zamponi.jpg

Alcolismo giovani

Epatite alcolica: rischio cirrosi raddoppia nelle donne più giovani
Dopo essere sopravvissute al primo episodio di epatite alcolica, le adolescenti e le giovani adulte presentano un rischio maggiore del 50% di sviluppare cirrosi

Dopo essere sopravvissute alla prima presentazione di epatite alcolica, le adolescenti e le giovani adulte presentano tassi più elevati di mortalità correlata al fegato e un rischio maggiore del 50% di sviluppare cirrosi e scompenso epatico, secondo quanto presentato al congresso The Liver Meeting.

L’epatite alcolica è una malattia infiammatoria a carico del fegato, causata dall’abuso di alcool protratto nel tempo. Di solito è associata a un accumulo eccessivo di trigliceridi nel fegato (steatosi epatica) e può contribuire alla progressione della fibrosi, che porta alla cirrosi.

«I ricoveri ospedalieri per epatite alcolica stanno aumentando, soprattutto negli adolescenti e nei giovani adulti rispetto ad altri gruppi di età, e dati recenti hanno anche suggerito che i tassi di trapianto di fegato a seguito di epatite alcolica stanno aumentando più rapidamente nei soggetti in questa fascia di età» ha affermato in una relazione Jennifer Flemming, professore associato di medicina e scienze della salute pubblica presso la Queen’s University. «È stato anche dimostrato che esistono differenze legate al sesso e alla suscettibilità al danno epatico causato dall’alcol, così come differenze di genere nell’uso e nella dipendenza dall’alcol e nel trattamento dei disturbi legati al suo consumo».

«Anche se la mortalità complessiva dopo la prima presentazione di epatite alcolica è simile tra i sessi, le femmine hanno tassi più elevati di mortalità correlata al fegato rispetto ai maschi» ha aggiunto. «Inoltre il sesso femminile è associato a un rischio più elevato di cirrosi e scompenso tra quanti sopravvivono al primo verificarsi della malattia».

Analisi di un campione di giovani con epatite alcolica
I ricercatori hanno condotto uno studio di coorte retrospettivo basato sulla popolazione con l’obiettivo di stabilire l’epidemiologia e i dati demografici degli adolescenti e dei giovani adulti con epatite alcolica, oltre all’associazione tra sesso, mortalità a lungo termine e sviluppo di complicanze epato-correlate.

Hanno identificato 3.340 adolescenti e giovani adulti (età media 33 anni, 64% uomini) in Ontario, Canada, con una prima presentazione di epatite alcolica senza cirrosi diagnosticata al pronto soccorso (n = 917) o con ricovero ospedaliero (n = 2.423) dal 2002 al 2021. Di questi soggetti, 2.374 erano ancora in vita dopo la dimissione.

Entro 2 anni dalla presentazione della mlattia, il 71% dei pazienti aveva avuto incontri sanitari legati all’alcol, il 57% aveva una storia di malattia mentale e il 34% una storia di abuso di sostanze. L’analisi dei determinanti sociali della salute ha mostrato che il 18% viveva in una zona rurale (22% donne vs 15% uomini), il 32% apparteneva al quintile di reddito più basso (37% vs 30%), il 13% erano immigrati recenti o rifugiati (7% vs 16%), il 23% rientrava nel quintile con la più alta diversità etnica (17% vs 26%) e il 30% nel quintile con la più alta instabilità abitativa (31% vs 30%).

Dopo un follow-up mediano di 5 anni, 844 individui (25%) sono deceduti e meno dell’1% (n = 23) è stato sottoposto a trapianto di fegato, eseguito più frequentemente negli uomini. Nel periodo di studio la mortalità correlata al fegato è stata più comune nelle donne rispetto agli uomini.

Le donne hanno un rischio più elevato di sviluppare cirrosi
Tra i sopravvissuti alla prima presentazione di epatite alcolica senza cirrosi o scompenso epatico, dopo un follow-up mediano di 24 mesi il 31% aveva sviluppato cirrosi (37% donne vs 28% uomini). In tutti i periodi temporali, le donne avevano maggiori probabilità di sviluppare cirrosi rispetto agli uomini (a 5 anni: 25% vs 19%; a 10 anni: 32% vs 24%; a 15 anni: 37% vs 28%; a 20 anni: 37% vs 30%).

Inoltre, l’analisi dei rischi concorrenti ha mostrato che erano associati allo sviluppo di cirrosi il sesso femminile (sub hazard ratio, sHR, = 1,47), l’età avanzata (sHR = 1,04), la residenza urbana (sHR = 1,29) e una comorbilità più elevata (sHR = 1,36).

«L’incidenza di epatite alcolica è in aumento tra gli adolescenti e i giovani adulti e il decesso si verifica nel 25% di questi soggetti dopo una media di 5 anni di follow-up. I giovani che ne sono affetti sono vulnerabili e in questo hanno un peso i determinanti sociali della salute, le differenze di sesso e i fattori sociodemografici sottostanti» ha osservato Flemming. «Anche se la mortalità complessiva dopo la prima presentazione di epatite alcolica è simile tra i due sessi, le femmine hanno tassi più elevati di mortalità correlata al fegato rispetto ai maschi e il sesso femminile è associato a un rischio del 50% più elevato di cirrosi e scompenso tra i sopravvissuti alla prima presentazione della malattia».