sponsor2.gifzamponi.jpg

United Colors Grottese Calcio a 7, in campo a scuola d’integrazione.

Postato in: News |

United Colors Grottese Calcio a 7, in campo a scuola d’integrazione

Grazie ad un accordo con il Gus locale, la Grottese Asd di Grottazzolina ha dato il via a “United Colors Grottese - Calcio a 7”, un entusiasmante progetto che unisce lo sport all’integrazione sociale.

Due volte a settimana, 15 richiedenti asilo, ospiti della struttura d’accoglienza, sono allenati dallo staff tecnico della Grottese Scuola Calcio in vista del campionato provinciale CSI di calcio a 7.

“Un’esperienza unica – sottolinea Simone Brancozzi, membro dello staff tecnico – che vede il calcio protagonista nel processo d’integrazione. Sono ragazzi pieni di vita e di speranza, che vengono da diversi paesi africani: due dal Mali, due dalla Guinea, tre dal Gambia, uno dalla Somalia e quattro dal Senegal. Il problema è che questi ragazzi non hanno mai giocato a calcio in maniera organizzata, nessuno ha mai insegnato loro elementi di tecnica e di tattica, non hanno avevano la minima idea di cosa fosse un interno-piede, un esterno collo, una diagonale etc.… Insegnare loro a giocare è per me una sfida e un privilegio. Ammetto che la comunicazione è stata inizialmente un grande ostacolo, ma alla fine l’abbiamo superato. Ho deciso di dividerli in due gruppi: i verdi, con cui parlo (male) inglese, e i blu, con cui parlo (peggio) francese”..

Il progetto ha suscitato la curiosità di ragazzi e cittadini che vengono ad assistere agli allenamenti. Ecco compiuto il miracolo: United Colors Grottese ha trasformato il calcio in un ponte che unisce uomini, paesi e culture differenti.

La Grottese è orgogliosa di essere co-promotrice di questo progetto che arricchisce l’offerta dell’Associazione sportiva da anni attiva su molti fronti: sezione amatori, sezione calcio femminile e una Scuola Calcio che conta 50 bambini e ragazzi tesserati gratuitamente molti dei quali, più della metà, non avrebbero potuto giocare a calcio perchè i genitori non possono permettersi di pagare il costo della scuola calcio.

In una società impoverita dalla crisi e da mutamenti economici, lo sport riesce a restare un diritto di tutti, al di là di età, censo e nazionalità.

colorrrrr.jpg

I commenti sono chiusi.