2° sconfitta casalinga per la grottese

Postato in: News |

GROTTESE - AMANDOLA 1 - 2
GROTTESE: Coda, Pallotti, Elezi, Traini, Moscetta, Del Dotto, Vallati, Cappella, Pezzani (62′ Koita), Verducci, Liberati (80′ Ricci). All. Moscetta.
AMANDOLA: Berardini, Tassi (75′ Palombi), Procaccini (56′ Iannotti), Testa, Poletti, Fratini, Cardinali (46′ Alesi), Trobbiani, Puddu (46′ Grilli), Bernabei, Sciamanna. All. Pupi.
ARBITRO: Narcisi di San Benedetto del Tronto

RETI: 11′ Pezzani, 67′ Alesi, 74′ Bernabei (rig.)

Grottazzolina

Sconfitta casalinga per la Grottese al cospetto dell’Amandola. All 11′ i locali passano in vantaggio con Pezzani che devia fortuitamente un tiro dal limite dell’area di Verducci spiazzando completamente il portiere Berardini. Gli ospiti sfiorano il pareggio al 32′ con Poletti che sugli sviluppi di un calcio di punizione colpisce la traversa. La prima frazione di gioco termina senza altre occasioni di rilievo con i grottesi avanti 1 a 0. Nella ripresa l’Amandola cerca con maggiore insistenza la via del gol ma i locali sembrano poter arginare le incursioni ospiti; fin quando al 67′ la squadra amandolese pareggia. Bella azione personale sulla fascia sinistra del neo-entrato Iannotti che pennella un preciso cross per la testa dell’altro neo-entrato Alesi che infila la sfera alle spalle dell’incolpevole Coda. I padroni di casa subiscono il colpo e la squadra di mister Pupi ne approfitta passando in vantaggio al 74′ con Bernabei su rigore. La Grottese si getta in avanti alla ricerca del pareggio ma i tentativi della squadra di mister Moscetta risultano infruttuosi ed i giallorossi escono dal campo sconfitti per 1 a 2. Dopo la settimana di sosta i grottesi avranno un’altra gara casalinga contro il Montegranaro, un match molto importante e da non fallire. Da rivedere l’arbitraggio del signor Narcisi della sezione di San Benedetto.

Comments Off

I giovani e le dipendenze

Postato in: Blog Nobestemmia.it |

DIPENDENZE: TROPPI GIOVANI SCHIAVI DI ALCOL FUMO E GIOCO D’AZZARDO.

Gli ultimi dati italiani rivelano che alcol, fumo e gioco sono molti diffusi fra i giovani. Ecco allora come prevenire e affrontare le dipendenze

Le dipendenze non risparmiano nemmeno i più giovani. Anzi, sono proprio i ragazzi a rappresentare una delle fasce più vulnerabili da questo punto di vista. La conferma arriva dagli esperti delI’Istituto Bambino Gesù per la Salute del Bambino e dell’Adolescente di Roma che, sul nuovo numero della rivista “A Scuola di Salute”, lanciano un vero e proprio allarme in merito al consumo di alcol e fumo e alla diffusione del gioco di azzardo fra i ragazzi.

Tutti i numeri del fenomeno
I medici del Bambin Gesù, sulla base dei dati dell’Osservatorio europeo sulle droghe, di Doxa, Istat, Nomisma e Unipol, hanno calcolato che il fenomeno delle dipendenze riguarda almeno il 15% dei ragazzini italiani. Più precisamente, hanno scoperto che:

1. il 20% dei giovani italiani di età compresa tra i 15 e i 34 anni beve abitualmente alcolici,

2. il 16% dei ragazzi fuma fino al compimento dei 24 anni;

3. il 19% dei giovani ha consumato cannabis nell’arco di un anno;

4. il 49% degli adolescenti tra i 14 e i 19 anni hanno giocato d’azzardo almeno una volta all’anno.

Che cosa possono fare mamma e papà
Prevenire e combattere le dipendenze però non è impossibile. Per prima cosa è essenziale che genitori e insegnanti siano realistici e diventino consapevoli dei pericoli cui sono esposti quotidianamente i ragazzi e degli stimoli che possono “fuorviarli”. Quindi, è bene che propongano modi sani di trascorrere il tempo libero e alternative efficaci per superare eventuali disagi e aumentare la sicurezza in se stessi, come corsi sportivi o artistici. Infine, si consiglia di non giudicare o rimproverare l’adolescente, ma cercare di ascoltarlo e di capire che cosa sta provando.

Occhio a questi segnali
È fondamentale, poi, non trascurare eventuali campanelli di allarme, magari per paura o mancanza di tempo: se, per esempio, il ragazzo fa assenze ingiustificate a scuola, mostra disinteresse verso qualsiasi attività ricreativa, ha comportamenti aggressivi, si isola, è meglio indagare.

Comments Off

la grottese ritrova la vittoria

Postato in: News |

GROTTESE - CASTIGNANO 1 - 0
GROTTESE: De Simone, Pallotti, Elezi, Del Dotto, Moscetta, Cappella (62′ Costi), Vallati, Verducci, Koita, Ricci (94′ Pezzani), Liberati (82′ Jommi). All. Moscetta.
CASTIGNANO: Carfagna, Gandelli, Angelini F. (84′ Angelini G.), Di Buò, Luzi, Rossetti (78′ Vagnarelli), Pallotta, Peroni (64′ Tomassini), Ortu, Castorani, Ciotti (64′ Cesani). All. Di Lorenzo.
ARBITRO: Baleani di Jesi

RETI: 67′ Koita

NOTE: 93′ espulso Koita per doppia ammonizione

Grottazzolina

Termina con la meritata vittoria dei locali la sfida tra Grottese e Castignano. Squadre rimaneggiate viste le numerose assenze da ambo le parti a causa di squalifiche ed infortuni. Ottima partenza per i padroni di casa che al 2′ sfiorano il gol con una conclusione dall’interno dell’area di rigore di Liberati deviata in calcio d’angolo da Carfagna. Al 7′ su cross di Ricci dalla fascia destra, netto fallo di mano in area di un difensore ospite ma il direttore di gara Baleani di Jesi lascia proseguire tra le proteste della squadra grottese. Al 15′ al termine di un’azione travolgente di Koita, la palla arriva sul secondo palo dove Liberati in scivolata a pochi metri dalla linea di porta calcia di pochissimo a lato. Passato il quarto d’ora di netto predominio locale, la partita si mantiene in equilibrio nella restante mezz’ora del primo tempo con le squadre che riescono raramente ad avvicinarsi nell’area avversaria e si va al riposo sul risultato di 0 a 0. Nei primi venti minuti del secondo tempo, la partita si mantiene sugli stessi binari di come era terminata la prima frazione con le difese che hanno la meglio sui rispettivi attacchi. Al 67′ il risultato si sblocca grazie al solito Koita che recupera palla a centrocampo, si invola verso l’area di rigore della sbilanciata retroguardia ospite, resiste alla carica dei difensori castignanesi e riesce a superare il portiere Carfagna portando in vantaggio la squadra di Grottazzolina. Passano pochi minuti ed i locali reclamano ancora per un fallo di mano in area ospite ma anche in questa circostanza il direttore di gara lascia proseguire. Il Castignano cerca di portarsi in avanti ma la squadra di mister Di Lorenzo non si rende mai pericolosa dalle parti di De Simone ed anzi, sono i grottesi in contropiede a sfiorare un paio di volte il raddoppio. Nei minuti di recupero Koita cade in area di rigore ed il direttore di gara non solo non ravvisa gli estremi del calcio di rigore ma ammonisce Koita che era stato già ammonito in maniera discutibile qualche minuto prima e la Grottese è costretta a giocare i restanti minuti in inferiorità numerica. Il Castignano tenta con un paio di mischie in area di raggiungere il pareggio ma la difesa di casa fa buona guardia ed i ragazzi di mister Moscetta possono festeggiare meritatamente la vittoria e la conquista di tre punti molto importanti per la classifica.

Comments Off